Condividi questa pagina su:

Questa pagina piace a:

Creare un Sito Web: sei sicuro di volerlo fare?

Stampa
SuperOfferte del giorno su Amazon

Creare un Sito WebNei miei oltre 30 anni di carriera ho collezionato alcune esperienze nel settore e vorrei raccontare qui le opinioni che ho maturato durante questo lungo periodo.

Molti mi hanno chiesto di realizzare un sito web per la loro azienda, per una piccola o media impresa, un sito e-Commerce, una vetrina per un artigiano e così via. La prima domanda che ho posto a ciascuno di loro, palesemente retorica, è stata «Qual è il tuo obiettivo?» e tutti hanno risposto (inutile dirlo) «Voglio vendere di più!».
Si, anche se con parole diverse, il "succo" delle aspettative di chi si avvicina al mondo del web per promuovere la sua attività è racchiuso in questa frase.

Infatti, è convinzione diffusa che un sito Internet possa incrementare gli affari di un'attività a prescindere da quale sia l'attività, dal tempo che si dedica alla "cura" del sito web e dai suoi contenuti.

«L'importante è che sia bello!», dicono.

Niente di più sbagliato! Anzi, spesso (ma non sempre) un sito con effetti speciali, animazioni, coriandoli, luci, laser e fuochi d'artificio è il modo peggiore per approcciare al mondo dell'e-Business, un mondo in cui bisogna catturare l'attenzione del visitatore nei primi 4-5 secondi dal suo approdo sul sito, senza mai dimenticare che se qualcuno visita il tuo sito è perché vuole avere informazioni e non per guardare spettacoli pirotecnici che distraggono e che "diluiscono" le informazioni vere e proprie (o le merci) di cui il visitatore è alla ricerca.

Sono frequenti i casi di siti esteticamente non eccellenti ma dai contenuti ben fatti che hanno ottenuto successi invidiabili.

Non mi metterò a scrivere numeroni e riportare statistiche per dimostrare l'attendibilità delle mie affermazioni (puoi cercarle tranquillamente da solo su Google). Vorrei soltanto esporre il mio punto di vista e per farlo meglio suddividerò i siti in tre macrocategorie:

I siti Vetrina

Questi, dal punto di vista prettamente tecnico, sono i più semplici da realizzare ma anche i più difficili da posizionare nei motori di ricerca, se si ha la pretesa di concorrere contro il mondo intero, a causa della povertà di contenuti e molto spesso anche a causa della scarsa dinamicità.

Lo scopo principale di questo tipo di siti è quello di coadiuvare o addirittura sostituire depliant e biglietti da visita "cartacei" e per questo il committente, spesso con budget bassissimi, non vuole inserire altre informazioni al di fuori della lista delle attività della sua azienda e i suoi contatti.
Per lui il sito rappresenta prevalentemente un punto di riferimento per i suoi clienti che abbiano dimenticato a casa la rubrica e che non potrebbero telefonargli se non andando sul sito idraulicamariorossi.chissacosa.
Fin qui nessun problema.

CaneI problemi nascono quando l'idraulico Mario Rossi ti dice «Voglio un sito semplice, con la foto di mia moglie (altrimenti si arrabbia) e della mia cagnolina in prima pagina perché è tanto carina e sicuramente piacerà ai miei clienti, i miei numeri di telefono, l'indirizzo "imeil" (ovviamente su un dominio diverso da quello del sito, ndr.), non voglio perdere tempo a scrivere cose perché io c'ho da fa' ("io sono impegnato", per i non romani Smile) e voglio essere al primo posto su "gugl" cercando idraulico. Ah, mi raccomando, fammi un prezzo basso perché al massimo voglio spendere 200 Euro!».

Fino a qualche anno fa impegnavo ore nel cercare di spiegare a questo tipo di clienti i motivi per cui potevo accontentarli soltanto nel fare, in pochi quarti d'ora, il sito esattamente come lo volevano e permettergli così di ammirare la loro cagnolina in qualsiasi punto del pianeta si trovassero, ma che questa sarebbe stata la loro unica gioia perché nessun altro li avrebbe trovati, a meno che non sapesse già quale URL digitare nella barra indirizzi del browser. Smile

Oggi, dopo aver avvisato il (non) cliente che un sito così non gli serve e che può risparmiare i suoi 200 Euro, mi limito a rifiutare il lavoro perché ho imparato che nessuno riuscirebbe a spuntarla con persone come il Mario Rossi di cui sopra. Smile

D'altro canto sono sicurissimo che il nostro amico Mario troverà qualche nipote del cuGGGino del giornalaio che realizzi quello che lui desidera anche per 100 euro, forse anche gratis, oppure un mio collega che sia più furbo e forse meno coscienzioso del sottoscritto.

Parlando più seriamente, è invece possibilissimo creare un sito "vetrina" che ottenga buoni risultati (a volte ottimi, se la concorrenza nel settore e nell'area geografica è limitata), purché si rimanga con i piedi per terra e si tenga ben presente che non è detto che se un sito piace a noi, questo piaccia anche ai "naviganti" e ai motori di ricerca. Bisogna scegliere bene l'obiettivo e la strategia e soprattutto conoscere bene i possibili clienti e le loro abitudini.

I siti e-Commerce

Qui si entra in una sfera molto delicata perché spesso, troppo spesso in questo periodo di crisi nera, il sito e-Commerce rappresenta un miraggio di guadagno per persone senza reddito che cercano d'inventarsi un modo per portare a casa "la pagnotta". È infatti molto diffusa la convinzione che su Internet si venda qualsiasi cosa con facilità e con enormi margini di guadagno, dovuti prevalentemente all'assenza di spese fisse tipiche di un negozio "reale".

Purtroppo non è così!

Quello dell'e-Commerce è un mondo spietato in cui per emergere bisogna avere una solida reputazione web che si acquisisce investendo molto tempo e denaro, ma spesso (quasi sempre, direi) non è sufficiente.

Non voglio dire che un sito e-Commerce che porti a casa profitti non sia realizzabile ma è molto, molto difficile, indipendentemente dalla bravura di chi ne studia la strategia, di chi lo progetta e di chi lo realizza.

ScarpeMolto dipende dalla categoria merceologica in cui si vuole operare. È infatti abbastanza comprensibile che l'aspettativa di vendere on-line delle scarpe avendo come concorrenti colossi come Zalando possa essere facilmente delusa.

Attenzione: ho parlato di profitti, non di fatturato o, peggio, di incassato. Questa precisazione è d'obbligo perché mi sono accorto che spesso si perde di vista il fatto che un'azienda vive della differenza tra incasso e costi (inclusivi del tanto tempo speso per gestire il sito, i prodotti, le foto, ecc...) e se per incassare un Euro ne spendo dieci, forse ho sbagliato qualcosa. Smile

A coloro che mi chiedono consigli su come realizzare un sito del genere rispondo «Il consiglio migliore ch'io possa darti è di non farlo!».

Ma... ma... ma... a titolo di esempio, se invece hai già un'attività con una buona reputazione, geograficamente circoscritta (in una particolare provincia, in una particolare città o addirittura in un particolare quartiere) e investendo un po' di soldi (non molti) vuoi accedere alla possibilità di vendere anche (non soltanto) degli articoli su Internet, catturando qualche acquisto in più (magari mentre stai dormendo Smile), allora probabilmente si può tentare di fare qualcosa e magari anche di ottenere buoni risultati.

BorsaQuesto caso è migliore degli altri perché è possibile, anzi probabile che il tuo Cliente "notturno" sia lo stesso che di giorno viene a guardare le vetrine del tuo negozio "reale" e che voglia approfittare della vantaggiosa offerta per una borsa un po' demodé ma di buona qualità che hai pubblicato sul tuo sito e-Commerce per smaltire quello stock che hai in magazzino da molto tempo e che non riesci a vendere a prezzo "da negozio reale" perché ormai è passata di moda.

Potendo venderla a prezzo super-scontato, perché sai che non dovrai perdere mezz'ora (il tempo è denaro) per convincere il tuo Cliente a comprarla nel tuo negozio reale, quella borsa rappresenta un vantaggio sia per te che per il tuo Cliente che l'acquista volentieri perché ti conosce, si fida di te e di conseguenza del tuo e-Commerce.

Le probabilità di ottenere dei buoni risultati con un e-Commerce, ovviamente, migliorano nei settori a bassa concorrenza.

Infatti sarà abbastanza semplice per qualcuno che venda "cavatappi con radio incorporata" apparire tra le prime posizioni di Google per queste keywords. Il problema è capire quante persone andranno su Google per cercare dei "cavatappi con radio incorporata" e quante di queste persone lo faranno perché vorranno veramente acquistarne uno! Smile

Infatti una "bassa concorrenza" è quasi sempre accompagnata da una "bassa richiesta"

«Ma allora non c'è proprio speranza di fare affari con un e-Commerce!», penserai.

Onestamente... qualche speranza c'è, così come ce ne sono sempre nella vita che altrimenti non avrebbe sapore. Solo che in questo caso le speranze costano e il prezzo pagato, in termini di tempo e denaro, spesso non offre il ritorno aspettato.

Ecco perché, prima d'impegnare i propri risparmi su un sito e-Commerce, è meglio rivolgersi a una persona competente che abbia anche l'onestà di rinunciare alla sua parcella dissuadendo il possibile Cliente quando le probabilità di avere un ritorno d'investimento sono scarse.

Se vuoi approfondire l'argomento e-Commerce puoi leggere anche l'altro mio articolo "Aprire un negozio on-line: l'e-Commerce conviene?".

I siti Blog

BlogModa del momento, i siti Blog sono sicuramente un ottimo passatempo visto l'enorme impegno che richiedono da parte degli Autori.

Ma producono profitto? In alcuni casi (rari per la verità) si. Ma il successo comporta un grande investimento di tempo e competenze molto elevate per scrivere articoli che suscitino l'interesse di decine di migliaia di persone per avere la speranza di guadagnare qualche Euro con le inserzioni pubblicitarie.

Quindi, se il tuo obiettivo è il profitto, a meno che tu non abbia molto tempo a disposizione, una grande abilità letteraria e competenze approfondite su un argomento di largo interesse... lascia perdere.

Se invece lo scopo è prettamente ludico e vuoi soltanto parlare di un argomento che t'interessa, condividere le tue esperienze con altre persone, allora un blog è sicuramente un buon modo per farlo. E chissà che non tu non riesca, in futuro, a farlo diventare un blog di successo e anche a guadagnare qualche Euro... Smile

Ma in questo caso il mio consiglio è d'iniziare a costo zero, scegliendo una delle tante piattaforme che offrono gratuitamente spazio web e tool adeguati a questo scopo, magari acquistando soltanto il dominio (costa pochi euro l'anno) in modo da fissare almeno una sorta di "marchio" qualora, auspicabilmente, il blog abbia successo e si desideri "convertirlo" in un sito "vero" su un proprio spazio web, portando con sé la reputazione legata al dominio.

Conclusioni

È quindi importante analizzare molto seriamente e con obiettività le possibilità di successo prima d'intraprendere un'avventura su web, qualsiasi sia il settore in cui vuoi lavorare.

Il consiglio finale che posso darti è questo: se sai far bene qualcosa, se sei sicuro di poter offrire al pubblico un "valore aggiunto" rispetto ai tuoi concorrenti, pochi o molti che siano, allora inizia con piccoli investimenti, con un sito anche di poche pagine ma ben fatto dal punto di vista dei contenuti, che punti a guadagnare catturando il pubblico in piccole aree geografiche e in specifici settori. Non illuderti di poter diventare il nuovo Amazon, ma è possibile (soltanto possibile) che tu possa arrivare a guadagnare di che vivere o di "arrotondare" un reddito già presente.

C'è un'altra cosa che devi assolutamente sapere: la realizzazione e la gestione di un sito web richiedono molto tempo, probabilmente molto più di quello che immagini.
Mi è capitato spesso di parlare con Clienti che mi dicevano di non aver il tempo per inserire i testi, per parlare col loro avvocato e far valutare gli aspetti legali (Privacy Policy, Cookie Policy, Termini e condizioni di vendita, ecc...), per inserire i prodotti che volevano vendere e per tradurre il tutto nelle duemila lingue in cui volevano realizzare il sito.
Spesso hanno chiesto a me di fare queste cose! Smile
Purtroppo io non conosco la loro azienda, non sono un avvocato, non conosco i loro prodotti né i relativi prezzi, parlo soltanto l'italiano e l'inglese e di certo non sono un interprete. Di conseguenza non posso fare queste attività al posto loro. Smile
Quindi se stavi pensando di fare un tuo sito ma sai già di non disporre del tempo necessario e di non poter incaricare nessuno dei suddetti compiti, ti consiglio vivamente di ripensarci, prima ancora di spendere anche un solo minuto o un solo Euro per la realizzazione di un sito web.

Grazie per avermi letto fin qui!

Fabio Donna

Amazon Renewed
SuperOfferte del giorno su Amazon

Se ti è piaciuto questo articolo, non dimenticare di mettere il tuo "Mi piace", di votarlo e di condividerlo. Grazie! Smile

Se hai delle domande o se vuoi esprimere un'opinione puoi anche lasciare un commento Facebook.

Per non perdere le novità, le offerte e nuovi articoli del Blog di altraSoluzione iscriviti alla Newsletter!

Condividi questo articolo su:

Valutazione media: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Commenti Facebook

N.B.: i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione, quindi potrebbero non apparire subito.