Condividi questa pagina su:

Come guadagnare con un Blog?

Stampa
SuperOfferte del giorno su Amazon

Come guadagnare con un BlogQuesta non è l'ennesima guida che ti fa sognare di guadagnare con un Blog milioni di €, ottenuti facilmente. Anzi, forse dirò cose che non vorresti sentire mai, cose più vicine alla realtà che ai sogni.

Sì perché guadagnare con un Blog, contrariamente a quanto si pensa e a quanto si legge in altre pagine trovate su Internet, non è semplice... e non è neanche sicuro.

Quindi, così come ho fatto nel mio precedente articolo "Creare un Sito Web: sei sicuro di volerlo fare?", contro i miei interessi, in controtendenza e con l'intenzione di aiutarti a prendere la decisione giusta per te, cercherò di affrontare l'argomento nel modo più semplice e distaccato possibile.

Quali sono le possibili fonti di guadagno?

Nel caso di altraSoluzione il Blog è un "accessorio", perché le attività principali sono altre ma, se parliamo di Blog "puro", senza altri servizi abbinati, al di là dei successi di persone come il grande Salvatore Aranzulla che alcuni anni fa ha avuto un'intuizione che l'ha portato a sviluppare un'idea in cui credeva, con eccellenti risultati, purtroppo le storie di successo in questo campo si contano sulle dita di una mano, almeno in Italia.

Per sperare di portare a casa un modestissimo "stipendio" dovresti creare un Blog che riceva almeno 2-3000 visite al giorno (aranzulla.it ne riceve circa 300,000, nel momento in cui scrivo) e non è un compito facile.

Ovviamente, oltre che dalla qualità del Blog, molto dipende dagli argomenti trattati ma più l'argomento è popolare e maggiore è la concorrenza. Quindi parlare di calcio o di cellulari non è garanzia di successo Smile, perché devi dividere la popolarità con tanti, tantissimi altri concorrenti.

In ogni caso, i metodi per guadagnare tramite internet si contano sulle dita di una mano di Yoda: Smile

  • Annunci pubblicitari gratici o testuali: in genere sono basati sulle preferenze del visitatore. A proposito: ricordati che la profilazione richiede un consenso esplicito, per le leggi sui Cookie e sulla Privacy.
    Le commissioni sono, di solito, attribuite in base ai click (cioè quanti visitatori cliccano sull'annuncio) o, più raramente, in base alle visualizzazioni. Questo tipo di soluzione (un esempio è Google AdSense) va bene per chi ha tantissime visite al giorno ma per un blog appena nato, con poche decine di visite giornaliere, i guadagni sono veramente ridicoli perché le commissioni sono bassissime, dell'ordine di qualche centesimo di Euro a click.
  • Affiliazioni: consistono in banner grafici o testi che pubblicizzano un prodotto o servizio. Il committente in genere paga una commissione sulla vendita ottenuta tramite il tuo sito. Il vantaggio è che in genere le commissioni sono abbastanza alte. Per esempio, Amazon offre tra l'1% e il 10% del prezzo del bene venduto (spese di spedizione escluse), dipendentemente dalla categoria merceologica.
    Ma esistono molte altre aziende che offrono affiliazioni, basta cercare su Google. Ovviamente dovresti pubblicizzare beni o servizi che abbiano attinenza con l'argomento trattato nel blog, perché se il tuo Blog parla di ricette, probabilmente al tuo visitatore tipico non interessa acquistare un'automobile. Smile
    Però potrebbe essere interessato a comprare un particolare attrezzo da cucina utilizzato nella ricetta, oppure gli ingredienti della ricetta.
  • Spazi pubblicitari diretti: un altro sistema è quello di vendere gli spazi pubblicitari direttamente ad aziende che vogliano farsi pubblicità sfruttando la visibilità del tuo Blog. Per esempio, se il tuo Blog parla delle bellezze artistiche della tua città o degli eventi nel tuo quartiere e ha un discreto successo, i negozianti di zona potrebbero essere interessati ad acquistare uno spazio pubblicitario.
    In questo caso puoi "affittare" lo spazio a fronte di un canone fisso oppure, come negli altri casi, chiedere una commissione per click. Se i committenti sono più di uno per lo stesso spazio, puoi fare una "rotazione", cioè visualizzare alternativamente in modo casuale o predeterminato i banner di uno o dell'altro cliente e ripartire le tariffe in base al numero di visualizzazioni.

Ne esistono anche altri ma sono molto particolari e non è il caso di parlarne in questo articolo, che ha uno scopo diverso.

«Ok, voglio tentare, cosa devo fare?»

Un Blog, prima che su Internet, deve esistere nella tua testa. Non fare nulla se prima non hai ben chiari gli argomenti di cui vuoi parlare e gli obiettivi (plausibili) che vuoi raggiungere.

Sai far bene qualcosa? Hai una grande passione? Conosci a fondo un argomento? Questo è già un buon inizio!

Pensa bene a quali categorie di persone vuoi rivolgerti (giovani, anziani, persone in zona o su tutto il territorio nazionale, uomini, donne, ecc...) e comincia a pensare a una struttura e a un modo di scrivere che siano graditi da queste persone.

Per esempio, una persona anziana spesso non è molto pratica di computer ed è già un miracolo se naviga su Internet. Quindi non devi tirare troppo la corda e devi offrirgli un sito il più possibile chiaro, semplice, con pochi menu e testi con grandi caratteri leggibili, evitando font così elaborati che farebbero perdere la pazienza anche a un 18enne (ma questo vale per tutti) disposti su righe non troppo larghe perché gli anziani hanno difficoltà a seguire testi a tutta larghezza sullo schermo.

Le Signore invece amano i colori e apprezzano una particolare cura nell'estetica del sito.

I "tecnici" preferiscono la sobrietà (leggere decine di righe di codice di colore giallo su sfondo verde brillante non è il massimo Smile) e in genere pongono l'estetica sull'ultimo gradino delle priorità nel valutare la fruibilità di un sito. Il bianco e nero è il loro pane quotidiano! Smile

Invece, alla persona che sta cercando una pizzeria nella tua zona non importa sapere quanto si mangia bene in un ristorante a Tokio! Smile Quindi, scegli bene gli argomenti di cui parlare nel tuo Blog di recensioni di ristoranti di zona.

Insomma, ogni pubblico ha le sue esigenze e devi prenderle in seria considerazione. Devi conoscere bene il tuo visitatore e offrirgli quello che vuole, imparando a correggere gli errori che saranno messi in evidenza dalle statistiche del tuo Blog e anche dai preziosissimi suggerimenti e le critiche che gli stessi visitatori ti comunicheranno.

Ricordati che il Blog non deve piacere a te, deve piacere soprattutto ai tuoi visitatori e a Google!

Una volta che il tuo progetto comincia ad assumere una forma definitiva sulla tua mente, trasferiscilo su carta (o su computer): sarà utile a te per ricordare idee che col tempo potresti dimenticare e sarà utile a un eventuale sviluppatore del sito per capire subito cosa vuoi ottenere.

Il sito vero e proprio

È tutto chiaro? Sai esattamente cosa vuoi fare? È giunto il momento di passare agli aspetti pratici: dove e come creare il tuo Blog?

Il primo consiglio che posso darti è di leggere l'altro mio articolo "Siti Web Gratis: sono veramente convenienti?" per comprendere quanto sia poco consigliabile utilizzare le tante piattaforme "preconfezionate" di cui si vedono pubblicità ovunque, se si vuole sperare di conquistare una certa visibilità su Internet.

Quindi, rimangono tre alternative:

  1. Ti rivolgi a un Professionista che crei il Blog per te, magari consigliandoti anche sulle strategie SEO e Marketing da seguire.
  2. Acquisti uno spazio web e il dominio e impari a installare e utilizzare almeno Wordpress o Joomla.
  3. Acquisti uno spazio web e il dominio e utilizzi gli autoinstallanti di Wordpress o Joomla messi a disposizione da tantissimi fornitori.

Poi devi comunque imparare a utilizzarli, ma questo vale per tutte e tre le scelte. Smile

Una volta che la tua piattaforma sarà on-line e avrai scelto il template (o tema, cioè l'estetica) del sito, sarai pronto per cominciare a pubblicare articoli e a farti conoscere.

Nella fase iniziale forse puoi evitare d'inserire pubblicità, cercando di concentrarti soprattutto sui contenuti, sulla qualità degli articoli che scrivi, limitandoti a osservare le reazioni del pubblico tramite i tanti tool statistici, anche gratuiti, che puoi trovare facilmente su Internet, a partire da Google Analytics, Google Search Console e Google Keyword Planner e a fare quei piccoli aggiustamenti, sempre necessari, per migliorare la risposta del pubblico e dei motori di ricerca.

Se i contenuti saranno graditi, la reputazione del tuo Blog inizierà a crescere e Google ti premierà, portandoti dalla "milionesima" posizione alle prime 6/7 pagine nelle SERP che, anche se i risultati dopo la prima/seconda pagina vengono ignorati dalla maggior parte dei "naviganti", per un sito aperto da poco è già un grosso successo.

Questo aiuterà la crescita delle visite e con esse crescerà la tua reputazione e così via, in un circolo virtuoso che QUASI si autoalimenta.

Sì, "QUASI", perché se è vero che sotto certi aspetti la reputazione (o ranking) gode di un "effetto volano", è anche vero che un volano gira a lungo, ma non in eterno. Quindi dovrai costantemente aggiornare il tuo Blog con nuovi, interessanti contenuti se vuoi che la tendenza positiva sia una costante e non un episodio isolato.

Non dimenticare di pubblicare i tuoi articoli anche nel mondo dei Social Network, che è un'importante fonte di visitatori!

Il passo successivo

Se hai lavorato bene, presto arriverà un momento in cui le visite al tuo sito raggiungeranno una cifra modesta ma rispettabile, diciamo 50/100 visitatori al giorno. Questo è il momento in cui puoi cominciare a sperimentare dei banner pubblicitari, avendo cura di mettere in piedi un sistema di monitoraggio (Google Tag Manager è un ottimo alleato) per "misurare" i risultati delle tue inserzioni, per capire come reagisce il tuo pubblico e quali banner in quali posizioni ottengono i migliori risultati.

In questo modo potrai cominciare a guadagnare i primi (pochi) soldi che ti permetteranno almeno di rientrare delle spese dello spazio web e del dominio del tuo Blog.

Come dicevo poche righe sopra, è estremamente importante inserire pubblicità pertinenti e soprattutto cercare di non essere invadenti con i banner. È vero che la pubblicità dev'essere ben visibile e a volte perfino fastidiosa per funzionare, ma non bisogna esagerare perché, a meno che il tuo Blog non offra contenuti irrinunciabili, si rischia di perdere visitatori, soprattutto quelli "affezionati", che potrebbero decidere di abbandonarti perché sono stufi di chiudere in continuazione finestre pop-up con pubblicità di prodotti a cui non sono interessati.

A proposito!!! Importante: i pop-up sono DA EVITARE ASSOLUTAMENTE perché, se da un lato garantiscono un migliore risultato dal punto di vista della visibilità della pubblicità, dall'altro sono estremamente fastidiosi per la maggior parte dei visitatori (incluso il sottoscritto). Al massimo puoi valutare l'implementazione di un pop-up catturando quello che tecnicamente si chiama "Exit Intent" (intenzione di uscita), cioè visualizzare la pubblicità quando, tramite particolari tecniche, si capisce che il visitatore sta per abbandonare la pagina.
Non sono pochi i Blog e i Forum che ho smesso di frequentare perché mi facevano spendere molto più tempo a chiudere pop-up che a leggere i contenuti.

Come puoi vedere (se mi stai leggendo da un computer e non da uno smartphone) io ho inserito i miei banner sui lati di questa pagina, senza invadere il testo, che risulta sempre leggibile e senza interruzioni. Inoltre molti dei banner che vedi a destra e a sinistra di questa pagina non sono visibili sui cellulari, dove la lettura è molto più scomoda e il caricamento molto più lento rispetto a un comodissimo computer "normale".

Al massimo inserisco, alla fine dell'articolo, un invito all'acquisto di un prodotto o servizio pertinente con l'argomento trattato nell'articolo, soprattutto quando l'articolo è una recensione di quel prodotto o servizio.

Inoltre, quando è il caso, collego dei link pubblicitari ad alcune parole nel testo degli articoli.

Forse questo comportamento "corretto" mi farà perdere qualche Euro ma almeno non corro il rischio di rendere la lettura dei miei articoli più noiosa di quanto già non lo sia Smile.

Qualche consiglio

Sii sempre chiaro ed esauriente, fai in modo che i tuoi lettori trovino i tuoi articoli talmente interessanti da condividerli sui Social, su altri Blog o nei Forum, aggiungi spesso nuovi contenuti (sempre di qualità), sii cordiale e disponibile. Vedrai che i risultati non tarderanno ad arrivare.

Impara dai grandi! Cioè osserva (SENZA COPIARE!!!) come sono fatti i Blog di successo, come sono strutturati, come scelgono le keyword. Insomma, non c'è niente di male nell'imparare da chi ha più esperienza e se hai dei dubbi e gli scrivi per fargli delle domande (senza esagerare, perché le consulenze, giustamente, si pagano) vedrai che troverai alcune persone disponibili pronte ad aiutarti. Questo è il bello di Internet!

Conclusioni

Praticamente hai finito... o meglio... hai iniziato! D'ora in avanti il successo del tuo Blog e i conseguenti guadagni dipenderanno esclusivamente dalla tua capacità di scrivere contenuti interessanti e di attirare visitatori, magari coinvolgendoli anche con un sistema di commenti o addirittura un forum di discussione.

Come dicevo all'inizio, contrariamente a quanto promettono Agenzie Web poco oneste, le probabilità che tu riesca a diventare "ricco" sono scarsissime ma... forse, con un grande impegno, potrai almeno arrivare a ottenere un piccolo introito.

Ah! Un'ultima risposta a una domanda che mi fanno in molti: per guadagnare con un sito web (Blog o altro) ed essere in regola con il Fisco, DEVI APRIRE PARTITA IVA!
Su Internet troverai le risposte più fantasiose, tra le quali la più frequente è che sotto ai 5000€/anno puoi farne a meno, applicando il princìpio della prestazione occasionale. Questo, per l'intricata e cavillosa legge italiana, è falso!
La verità è che un sito Web è in grado di "generare redditi" 24 ore su 24, 365 giorni l'anno e questo lo rende un'attività per niente occasionale, anche se i guadagni sono bassi.
In ogni caso il tuo Commercialista saprà sicuramente consigliarti per il meglio.

Ti ringrazio per avermi letto in qui, con il mio più sincero in bocca al lupo!

Fabio Donna

SuperOfferte del giorno su Amazon

Se ti è piaciuto questo articolo, non dimenticare di mettere il tuo "Mi piace" e di condividerlo. Grazie! Smile

Se hai delle domande o se vuoi esprimere un'opinione puoi anche lasciare un commento Facebook.

Per non perdere le novità, le offerte e nuovi articoli del Blog di altraSoluzione iscriviti alla Newsletter!

Condividi questo articolo su:

Valutazione media dell'articolo: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Commenti Facebook

N.B.: i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione, quindi potrebbero non apparire subito.