Condividi questa pagina su:

CMS: Joomla, Wordpress, Drupal o HTML puro?

Stampa

CMSÈ meglio generare un sito web scrivendo codice "puro" oppure è meglio affidarsi a un CMS (Content Management System)? Joomla, Wordpress o Drupal?
Dipende dai casi. Infatti, non è sempre consigliabile cimentarsi nella scrittura di migliaia di righe di codice come non è sempre conveniente utilizzare un CMS.

Certo, i CMS sono utilissimi e si stanno diffondendo a macchia d'olio, soprattutto quelli gratuiti come Drupal, Joomla e Wordpress, ma ci sono dei casi in cui forse è meglio scrivere direttamente il codice.

Di sicuro oggigiorno, se si parla di siti dinamici e salvo casi particolarissimi, non conviene più mettersi a scrivere il proprio CMS in PHP/MySQL reinventando ogni volta l'acqua calda e dovendo preoccuparsi di correggere "buchi" di sicurezza quando invece si può contare su eccellenti comunità che se ne occupano per noi. Quindi... evviva i CMS Open Source gratuiti! Smile

Cos'è un CMS?

Per i meno esperti vorrei inserire una breve definizione di CMS (Content Management System): è una piattaforma che serve a generare pagine web basate su dei contenuti inseriti (anche da personale non esperto) tramite una semplice interfaccia grafica simile a quella di un word processor come, per esempio, Microsoft Word e formattarli tramite gli appositi "arnesi" inseriti nella toolbar.

Esempio di toolbar di un CMS
Toolbar

In pratica l'inserimento degli articoli, delle immagini, dei video in un sito sviluppato su CMS non richiede la conoscenza di HTML e CSS (anche se conoscerli, almeno un po', è comunque di grande aiuto), cioè i "linguaggi" riconosciuti dai browser, le "istruzioni" che il browser esegue per visualizzare una pagina web sul tuo computer.

Chi deve inserire i contenuti?

EditingQuesta è la domanda a cui bisogna rispondere per operare una scelta oculata.

Se il sito è un semplice "biglietto da visita" di poche pagine i cui contenuti non cambieranno nel tempo (contravvenendo a una delle principali regole SEO che incoraggia l'aggiornamento frequente del sito), allora probabilmente è meglio sviluppare direttamente il codice ottimizzandolo al massimo per i motori di ricerca, per la velocità e per la visualizzazione responsive.

Se invece il sito sarà soggetto a frequenti aggiornamenti, con nuovi articoli e contenuti inseriti direttamente dal Cliente, allora è certamente raccomandabile l'utilizzo di un CMS, che facilita enormemente quest'attività che potrà essere eseguita anche da personale non esperto.

I CMS, infatti, se da un lato garantiscono un inserimento dei contenuti facile e veloce, dall'altro sono in genere abbastanza "pesanti" e non "girano" velocemente quanto del puro codice HTML + CSS. Inoltre i CMS richiedono l'utilizzo di un database che rallenta ulteriormente la visualizzazione della pagina. Attenzione: questi rallentamenti sono dell'ordine di alcuni decimi di secondo, non parlo di ore! Smile

Il codice puro invece richiede l'intervento di un esperto per le modifiche che spesso, anche se eseguite da persona competente, portano via parecchio tempo (e denaro) e questo non è sempre accettabile per il Cliente.

Quale CMS scegliere?

Quale CMSLungi da me il desiderio di aprire una "guerra di religione" tra i tre CMS più diffusi (Wordpress vs. Joomla vs. Drupal), ritengo che ciascuno di loro abbia i suoi pro e i suoi contro e che la scelta debba avvenire valutando attentamente le esigenze del Cliente.

Ciò premesso, posso senz'altro affermare che la mia preferenza cade su Joomla perché, a mio modesto parere, è la piattaforma che offre il miglior compromesso tra facilità di utilizzo da parte del Cliente e potenzialità/facilità di sviluppo, con una grande disponibilità di template e add-on (plugin, moduli e componenti).

Inoltre, è costantemente aggiornato con nuove "feature" e correzioni di bug ed è supportato da una vasta community, anche se quella in lingua italiana è molto meno "amichevole" di quella in lingua inglese, che ti consiglio di scegliere, se conosci l'inglese ovviamente. Smile

D'altro canto il suo più diretto concorrente, Wordpress, che è comunque un ottimo prodotto, soprattutto per l'editoria, gode di una larghissima diffusione grazie alla sua estrema semplicità di utilizzo e alla sua community, anch'essa molto ampia.

Per ultimo, ma non in ordine d'importanza, vorrei citare l'ottimo Drupal che è, sempre secondo il mio modesto parere, la scelta migliore per siti e portali Corporate e in tutti quei casi dove robustezza, affidabilità e "potenza" hanno la priorità rispetto alla semplicità d'utilizzo e ai tempi di sviluppo.

Perché preferisco Joomla

Personalmente trovo Wordpress un po' "cervellotico", poco razionale, soprattutto per quanto concerne lo sviluppo e in particolare la struttura del database.
Forse è solo questione di "simpatia" Smile e Wordpress è sicuramente un ottimo prodotto da utilizzare soprattutto (ma non solo) per i Blog.

Tuttavia, dal mio punto di vista, dal punto di vista dello sviluppatore, mentre con Joomla sono entrato quasi subito "in sintonia", con Wordpress ho avuto un impatto molto meno morbido e parlo di esperienze confermate negli anni.

Ancora oggi, quando mi capita di lavorare con Wordpress per apportare modifiche a siti già esistenti, pur riconoscendo che dal punto di vista dell'utente è un po' più semplice, mi chiedo per quale motivo molti sviluppatori lo scelgano perché, se le esigenze del Cliente vanno anche di poco oltre il semplice Blog, realizzarle in Wordpress è molto più complicato (e costoso) che realizzarle in Joomla.

La gestione degli override e il multilingua nativi, la separazione tra plugin, moduli "di sistema" e moduli "di contenuti" rendono lo sviluppo di siti complessi su Joomla molto più agevole rispetto a Wordpress.

Sinceramente preferisco spendere un po' più di tempo nello spiegare al Cliente come utilizzare Joomla, che è soltanto poco più complesso di Wordpress dal punto di vista dell'utente (che comunque può contare su un'infinità di manuali tecnici, guide per l'utente e videocorsi disponibili gratuitamente in rete), piuttosto che spendere ore e ore in più (pagate dal Cliente) per fare in Wordpress quello che in Joomla si fa in pochi quarti d'ora.

Ecco perché, nella realizzazione dei Siti Web, attualmente lavoro esclusivamente con Joomla.

Il template si fa "a mano" o è meglio utilizzare un software apposito?

TemplateInfine, vorrei spendere due parole sul template e sul suo sviluppo.

Possiamo definire il template (o tema) come il "vestito" del nostro sito web. Il template è quella parte del codice di un sito web che ne stabilisce gli aspetti "estetici", come dovranno apparire i contenuti, con quale colore, quale carattere, ecc.

Esso è estremamente importante ed è anche una delle parti più impegnative dello sviluppo di un sito web.

Se ci si trova a lavorare per un Cliente con le idee chiare, ben deciso nei requisiti estetici, allora si può sicuramente prendere in considerazione la possibilità di sviluppare il template "a mano" oppure di adattarne uno dei tanti disponibili su internet.

Però, secondo la mia esperienza, raramente si ha a che fare con Clienti così bravi da sapere esattamente cosa vogliono fin dal principio. Molto più frequentemente si deve modificare il layout e l'estetica di un sito molte volte, anche radicalmente, prima di soddisfare il Cliente.

In questi casi e in tutti quei lavori a "basso budget" in cui anche poche ore di lavoro in più pesano in modo sensibile sulla fattura, non è una vergogna per uno sviluppatore ammettere che sono di grande aiuto quei programmi che permettono di modificare il template velocemente, rendendo così "l'inseguimento" dei cambiamenti d'idea del Cliente meno noiosi per lo sviluppatore e meno onerosi per il Cliente stesso.

Attualmente sul mercato sono disponibili due prodotti:

1) Artisteer (ora Themler): l'ho utilizzato per alcuni anni, fino a che l'azienda non ha deciso di abbandonare il progetto originale (che ERA molto valido a mio parere) a favore di Themler, una nuova piattaforma dal discutibilissimo funzionamento, pesantissima, piena di bug e su cui gli utenti "paganti" sono stati e sono ancora sfruttati come "beta-tester".

Aggiornamenti ArtisteerHo chiuso ogni rapporto con Artisteer nel 2015, dopo numerosi messaggi di protesta (da parte mia e degli altri utenti) completamente ignorati, dicendo loro che se volevano che io utilizzassi la nuova piattaforma, facendo debugging al posto loro, dovevano essere loro a pagare me e non viceversa o che almeno dovevano offrirmi la licenza gratuitamente. Tantopiù che erano anni che pagavo la licenza di Artisteer che, al contrario di Themler, funzionava abbastanza bene (anche se con alcuni problemi), ma che loro avevano unilateralmente deciso di abbandonare (non si sa per quale incomprensibile strategia di marketing) e per il quale negli ultimi due anni e mezzo avevo pagato il supporto senza mai ricevere neanche un aggiornamento e senza che l'azienda dichiarasse ufficialmente l'intenzione di abbandonare il supporto di questo prodotto, condotta scorretta, a mio parere.
Infatti alla data odierna (15/10/2016) Artisteer è ancora venduto come un prodotto completo e supportato, malgrado non sia aggiornamento da Agosto 2014, come si vede nello screenshot.

Quindi, a meno che Artisteer nel futuro non migliori il suo giovane, pesante, fallace Themler, facendolo diventare un prodotto paragonabile in termini di qualità al suo predecessore, se per caso avevi intenzione di acquistare una licenza di Artisteer e/o Themler, ti consiglio vivamente di valutare delle alternative.

Se vuoi avere ulteriore conferma di questi problemi ti è sufficiente dare un'occhiata alle centinaia di messaggi degli utenti... "adirati" nel forum di Artisteer.

2) TemplateToaster, che ho iniziato a utilizzare un'ora dopo aver congedato i signori di Artisteer, è un prodotto meno maturo rispetto al suo concorrente ma con potenzialità decisamente interessanti, che sicuramente si riveleranno in tutto il loro splendore nei prossimi mesi.
Anche perché TemplateToaster sta raccogliendo le centinaia di utenti che come me, man mano che scadono le licenze, stanno abbandonando Artisteer e questo darà a TemplateToaster maggiori risorse economiche per migliorare il suo prodotto.

Il supporto è un po' "lento" e a volte poco aperto a suggerimenti e richieste, ma nel forum risponde quasi sempre!
Inoltre TemplateToaster è aggiornato molto frequentemente, mediamente una/due volte al mese.

Un difetto comune a entrambi i prodotti, sempre secondo il mio parere, è lo spreco di energie nello sviluppare funzioni inutili, funzioni come quella dell'editing dei contenuti che è già disponibile nei CMS sui quali i template generati da questi software gireranno.

Ma probabilmente entrambi puntano a catturare anche quella parte di pubblico che non ha la minima idea di come utilizzare un CMS e che vuole semplicemente creare un sito web senza dover sviluppare alcuna competenza.

Artisteer + ThemlerP.S. del 27/06/2017: come si vede nell'immagine, ora Artisteer viene ceduto in una specie di "offerta speciale" insieme a Themler.
È rimasto fermo alla versione 4.3 ma almeno non viene più spacciato per un prodotto completo, funzionante e supportato.

 

Vuoi acquistare un libro su Joomla?
Acquista su Amazon!

Vuoi acquistare un libro su Wordpress?
Acquista su Amazon!

Vuoi acquistare un libro su Drupal?
Acquista su Amazon!

 

Se questo articolo ti è piaciuto, non dimenticare di mettere il tuo "Mi piace" e di condividerlo tramite i pulsanti Social presenti in tutte le pagine. Grazie! Smile
Se hai delle domande o se vuoi esprimere un'opinione puoi anche lasciare un commento Facebook.

Fabio Donna

Valutazione media dell'articolo: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Commenti Facebook

N.B.: i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione, quindi potrebbero non apparire subito.