Condividi questa pagina su:
altraSoluzione piace a:

Rel canonical: cos'è e come utilizzarlo per la SEO

Stampa Stampa

La pagina canonica e i suoi misteri! Smile

rel canonical

I contenuti duplicati a Google non piacciono. Quando su un sito si creano pagine duplicate, il tag rel="canonical" ci permette di aiutare Google a capire qual è la pagina principale, quella "vera", quella di cui dovrà tener conto nell'indicizzazione, ignorando eventuali duplicati.

 

In questo articolo:

Perché si possono trovare delle pagine duplicate in un sito?

I motivi per cui in un sito possano verificarsi casi di contenuti duplicati sono molti, da una curiosa progettazione dei CMS più diffusi (Joomla, WordPress, ecc...), i cui programmatori, dal punto di vista tecnico, vedono come identificativo univoco degli articoli presenti nel database il loro ID e non il loro URL, a quelli dovuti all'utilizzatore che, volontariamente o meno, rende lo stesso contenuto disponibile a due (o più) differenti URL.

Un esempio tipico di un duplicato in WordPress può essere rappresentato dallo stesso articolo raggiungibile sia come www.sitoweb.it/articolo che come www.sitoweb.it/categoria1/articolo che come www.sitoweb.it/categoria2/articolo, o casi simili.

In Joomla, invece, è più frequente trovare www.sitoweb.it/categoria/articolo duplicato come www.sitoweb.it/index.php?option=com_content&view=article&id=100, dove "id=100" è l'ID dell'articolo nel database.

Ma questi non sono gli unici casi in cui si può generare un contenuto duplicato.

Per esempio, immaginiamo di avere una pagina www.sitoweb.it/listino con una lista di prodotti:

CodiceDescrizionePrezzo
001Primo prodotto€ 115,00
002Secondo prodotto€ 12,00
003Terzo prodotto€ 51,00

Sono molti i casi in cui, per cambiare l'ordine della lista, per esempio per prezzo, il programmatore aggiunge un parametro all'URL, in questo modo: www.sitoweb.it/listino?ordine=prezzo.
L'elenco ora viene mostrato così:

CodiceDescrizionePrezzo
002Secondo prodotto€ 12,00
003Terzo prodotto€ 51,00
001Primo prodotto€ 115,00

Ci troviamo di fronte a un contenuto duplicato perché le pagine www.sitoweb.it/listino e www.sitoweb.it/listino?ordine=prezzo, agli occhi dei motori di ricerca, avranno lo stesso contenuto (seppur in ordine diverso) ma URL differenti.

Ma questi non sono gli unici casi possibili! La lista è veramente lunga e non voglio annoiarti. L'importante è che tu abbia compreso che la probabilità che in un sito esistano contenuti duplicati non è così bassa come forse pensavi.

Perché è importante evitare i contenuti duplicati

I contenuti duplicati, che potremmo definire come "pagine dal contenuto simile raggiungibili attraverso URL diversi", possono essere motivo di scarse prestazioni dal punto di vista della SEO (Search Engine Optimization) e di conseguente perdita di posizioni nelle ricerche.

Questo perché Google (ma vale anche per gli altri motori di ricerca), per scansionare ogni singola pagina tra i miliardi presenti sul Web, spende delle risorse (banda, capacità di calcolo, spazio di archiviazione, tempo, ecc...) e non ama sprecarle per indicizzare gli stessi contenuti più volte.

Inoltre, Google ha l'obiettivo di soddisfare gli intenti di ricerca dei suoi utenti e di promuovere la qualità dei contenuti, motivo per cui i duplicati tra diversi siti web sono molto più "gravi" rispetto a quelli sullo stesso sito, che però non devono essere trascurati perché, comunque, rappresentano uno spreco delle risorse di scansione.

Come risolvere il problema dei contenuti duplicati

Ovviamente, la prima soluzione è di non crearne Smile ma, come abbiamo visto, non sempre l'esistenza dei contenuti duplicabile è imputabile a un comportamento errato di chi gestisce il sito Web.

Se è proprio inevitabile avere contenuti duplicati sul sito, sia per motivi tecnici che per motivi "editoriali", allora ci viene in aiuto un piccolo codice da inserire nella sezione <head></head> del codice HTML.

Il codice in questione è il tag canonical, del tutto "trasparente" per il visitatore (ma non per Google) e che indica l'URL del contenuto principale, quello che desideriamo che Google indicizzi, ignorando i duplicati.

Il codice avrà questo formato:


  <head>
    <title>Questo è il titolo della pagina</title>
    ...
    ...
    <link rel="canonical" href="/percorso/pagina/principale">
    ...
    ...
  </head>
  

Questo codice dovrà essere inserito in ciascuna pagina duplicata. Quindi, riprendendo l'esempio precedente del listino, la pagina www.sitoweb.it/listino?ordine=prezzo dovrà contenere il seguente codice:


  <head>
    <title>Listino</title>
    ...
    ...
    <link rel="canonical" href="/listino">
    ...
    ...
  </head>
  

Il modo in cui il canonical è inserito nel codice è una questione meramente tecnica che lascio al programmatore ma, come suggerimento per i più esperti, un metodo "veloce" per l'inserimento del tag canonical senza andare a modificare direttamente i file del sito può essere l'utilizzo di jQuery, con questa semplice funzione:


  function setCanonical(url) {
    if (jQuery('head link[rel="canonical"]').length) {
      jQuery('link[rel="canonical"]').attr('href', url);
    } else {
      jQuery('head').append("<link rel=\"canonical\" href=\"" + url + "\">");
    }
  }
  

Una volta definita la funzione e riprendendo sempre lo stesso esempio del listino, il tag canonical potrà essere inserito semplicemente con il comando:


  setCanonical('/listino');
  

Per maggiori approfondimenti, puoi leggere questa guida di Google.

Se vuoi chiedere ulteriori spiegazioni o se vuoi esprimere la tua opinione, non esitare a farlo lasciando un commento Facebook, oppure contattandomi in privato!

Grazie per avermi letto fin qui! Smile

E non dimenticare di mettere il tuo "Mi piace" qui sotto! Smile

Fabio Donna

Amazon Business
Prova subito SEOZoom!

Commenti Facebook

N.B.: i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione, quindi potrebbero non apparire subito.