Condividi questa pagina su:
altraSoluzione piace a:
I più venduti su Amazon

Codice colori resistenze: come si legge?

Stampa Stampa

Come riconoscere il valore delle resistenze elettriche interpretando correttamente il codice colore.

Codice colori resistenze

Come si leggono i colori delle resistenze? Il mistero dell'interpretazione del codice colori resistenze, che determina il valore di una resistenza elettrica, è un tema sempreverde per chi si avvicina al mondo dell'elettronica! Smile

Infatti, a causa delle ridotte dimensioni di questi componenti elettronici che non permetterebbero di scrivere direttamente il loro valore come testo perché i caratteri dovrebbero essere microscopici, praticamente illeggibili, si è scelto di utilizzare un codice dei colori nel quale, a ogni colore stampato in anelli sulla resistenza, corrisponde una cifra, come indicato in questa tabella:

Colore Valore
  Nero 0
  Marrone 1
  Rosso 2
  Arancione 3
  Giallo 4
  Verde 5
  Blu 6
  Viola 7
  Grigio 8
  Bianco 9

Essendo anche un sistema posizionale, il quarto o il quinto anello indica la tolleranza del valore della resistenza, secondo questa tabella dei colori:

Colore Valore
  Nessuno 20%
  Argento 10%
  Oro 5%
  Marrone 1%
  Rosso 2%
  Verde 0,5%
  Blu 0,25%
  Viola 0,1%
  Grigio 0,05%

Il numero degli "anelli", cioè dei colori lungo la resistenza, può variare ma, nello standard a quattro colori (il più diffuso), sono disposti in questo modo:

Codice a quattro colori

Come si calcola la resistenza? In questo esempio, il valore della resistenza è di:

1° anello: marrone = 1
2° anello: verde = 5
3° anello: rosso = × 100 (2 zeri)
4° anello: oro = 5%

Quindi avremo 1 5 00 (2 zeri) = 1500 Ohm, con una tolleranza del 5%, cioè il valore reale della resistenza potrà oscillare tra 1425 e 1575 Ohm.

È anche possibile trovare i colori oro o argento nel 3° anello che indicano, al posto del moltiplicatore, un divisore rispettivamente per 10 e per 100.

Quindi, se per esempio abbiamo marrone, nero, oro e oro, il valore della resistenza sarà 1 0 / 10 (con una tolleranza del 5%), cioè 10/10 = 1 Ohm ±5%.

Se vuoi, puoi fare delle prove con questo calcolatore per codice colori resistenze, realizzato da Danny Goodman e adattato dal sottoscritto:

 

Nelle resistenze ad alta precisione sono adottati gli standard a cinque o sei colori.

Nello standard a cinque colori è indicata una cifra in più:

1° anello: cifra
2° anello: cifra
3° anello: cifra
4° anello: numero di zeri (moltiplicatore)
5° anello: tolleranza

Nello standard a sei colori è indicato anche un coefficiente termico che indica come può cambiare il valore della resistenza al variare della temperatura:

1° anello: cifra
2° anello: cifra
3° anello: cifra
4° anello: numero di zeri (moltiplicatore)
5° anello: tolleranza
6° anello: coefficiente termico

Ecco i colori per il coefficiente termico, espresso in ppm/K, cioè parti per milione/Kelvin:

Colore Valore
  Nero 200 ppm/K
  Marrone 100 ppm/K
  Rosso 50 ppm/K
  Arancione 25 ppm/K
  Giallo 15 ppm/K
  Blu 10 ppm/K
  Viola 5 ppm/K

Il codice colori resistenze è sicuramente una buona soluzione per evitare di leggere caratteri microscopici stampati sulla resistenza ma ha i suoi limiti come, per esempio, i colori alterati dal tempo o dalle alte temperature e il fatto che può creare difficoltà alle persone affette da daltonismo. Infatti, negli anni in cui ho lavorato nel campo dell'elettronica, ho spesso dovuto aiutare colleghi daltonici a leggere i colori delle resistenze.

Nota: lo stesso codice colori è spesso utilizzato anche per altri scopi. Per esempio per identificare i cavi o per indicare il valore di altri componenti elettronici (per es. i condensatori).

Se vuoi chiedere ulteriori spiegazioni o se vuoi esprimere la tua opinione, non esitare a farlo lasciando un commento Facebook, oppure contattandomi in privato!

Grazie per avermi letto fin qui! Smile

E non dimenticare di mettere il tuo "Mi piace" qui sotto! Smile

Fabio Donna

I più venduti su Amazon
Amazon Business
Prova subito SEOZoom!

Commenti Facebook

N.B.: i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione, quindi potrebbero non apparire subito.