Condividi questa pagina su:

Non funziona... NIENTE! :-)

Stampa

PanicoLa frase che dà il titolo a questo post e che i colleghi operanti nell'IT avranno sentito pronunciare migliaia di volte, racchiude l'intero mondo IT, con i problemi di ogni giorno e il fantasioso modo di esporli dei colleghi utenti.

Ok, niente panico! Anzitutto chiariamo che il linguaggio dell'utente, come ogni cosa, è relativo e quest'affermazione, che potrebbe farci pensare che l'Universo si è fermato, in realtà si riferisce esclusivamente all'operazione che l'utente, in quel momento, sta cercando di compiere. Smile

Il NIENTE di cui parla il nostro collega che ci chiama per chiedere aiuto non è il convenzionale opposto di TUTTO ma è una "estrema sintesi" della frase «la cosa che mi serve ORA».

Quindi, una volta compreso che non sta crollando il palazzo e cercando di non ridere al telefono, chiedete al collega maggiori dettagli sul suo problema. Vedrete che si potranno verificare i seguenti casi:

  • Lui/lei ripeterà la frase «Non funziona NIENTE!» all'infinito, in un mantra che vi costringerà ad alzarvi e ad andare da lui/lei. Dopo avergli tolto dalle mani la cornetta in cui lui/lei sta continuando a parlare dicendo «Non funziona NIENTE!... Non funziona NIENTE!... Non funziona NIENTE!...» e quando avrà realizzato che voi siete lì vicino a lui/lei, forse riuscirete a capire quale icona del Desktop gli si è spostata.
  • Lui/lei cercherà di spiegarvi il problema sostituendo tutti i sostantivi con i soggetti universali "coso" e "cosa" (cit. Maurizio Battista) col risultato che dovrete alzarvi e andare da lui/lei per associare a ogni coso/cosa un soggetto reale e sperare così di comprendere il problema.
  • Lui/lei, mentre balbetterà qualcosa che somiglia a una spiegazione, si renderà conto di aver cliccato sull'icona sbagliata e riappenderà, stavolta dicendo soltanto «NIENTE, NIENTE, lascia perdere!».

Oppure, più raramente, lui/lei riuscirà a spiegarvi il problema ma qui si apre un'altra rosa di possibilità:

  • Il problema... non è un problema ma semplicemente il software opera in modo diverso da come l'utente si aspetta (ovvero non lo sa usare): voi siete degli incapaci perché avete installato un software che non si comporta come lui/lei vorrebbe.
  • Il problema è risolvibile senza coinvolgere l'utente ma ci vuole qualche minuto: il problema non è più urgente... e voi siete degli incapaci!
  • Risolvete il problema velocemente: il problema era di semplice risoluzione... e voi siete degli incapaci!
  • Per risolvere il problema ci vuole qualche ora e bisogna coinvolgere l'utente, magari perché deve fare delle prove o perché deve accedere a risorse protette da password: il problema non è più urgente, in alcuni casi non è neanche più un problema... ed evidentemente voi siete degli incapaci! Smile

L'atteggiamento "Zen"

ZenChi ha lavorato nell'IT sa quanto sia difficile trattenersi dall'esplodere quando qualcuno ci chiama allarmato come se stesse per crollare il palazzo e poi, dopo aver interrotto tutte le attività che stavamo svolgendo, trafelati e con la sirena accesa sulla testa Smile arriviamo alla sua postazione e gli diciamo che ci vuole qualche minuto per risolvere il suo problema (ammesso che ci sia un problema), costui/costei ci risponde con «No... lascia perdere... se ci vuole così TANTO tempo è meglio lasciar stare!».

Mi sono sempre domandato quale sia, nell'immaginario degli utenti, il tempo giusto per risolvere un problema. Ma non ho mai trovato una risposta definitiva. Smile

Però negli anni, quando si verificano questi casi e nei limiti del buonsenso e del rispetto reciproco, ho imparato ad assecondare i desideri del collega/cliente senza polemizzare, ritornando alla mia postazione e riprendendo il lavoro interrotto ma non prima di aver scaricato su un ticket il tempo perso, con una breve spiegazione dell'accaduto. Oppure, se nella nostra azienda non c'è un sistema di ticketing è comunque buona prassi annotare questi eventi da qualche parte.

Sì perché poi diventa difficile spiegare ai propri capi come mai in una giornata lavorativa di 8 ore ne abbiamo scaricate soltanto 5 sui ticket. Quindi è sempre meglio documentare come spendiamo il nostro tempo Smile, anche per convincere chi di dovere a prendere in seria considerazione una formazione informatica per i colleghi, formazione che potrebbe far risparmiare un bel po' di tempo all'IT e soldi all'azienda.

Questo atteggiamento, che io scherzosamente definisco "Zen", è l'unico in grado di farci mantenere un buon rapporto con i colleghi, anche i meno "rispettosi". Ma soprattutto ci risparmia ulteriori perdite di tempo in sterili discussioni.

Il lavoro del System Administrator (e del personale IT)

AdministratorNel 2002, quando lavoravo in Agilent Technologies (già Hewlett-Packard), io e i miei colleghi SysAdmin ricevemmo una e-mail dal nostro Grande Capo di cui vorrei riportare la traduzione (l'originale è in inglese) perché ritengo che sia molto aderente alla verità su questo affascinante quanto complicato mestiere:

«Il lavoro del System Administrator o fa di te un eroe oppure è ingrato.
Se risolvi un problema e rimetti in moto la produzione sei un eroe.
Se risolvi un problema prima che esso causi un'interruzione della produzione, nessuno lo sa e i riconoscimenti possono essere soltanto personali (interni).
Questo venerdì è il giorno ufficioso di Apprezzamento del System Administrator e ciascuno di voi deve sapere che io apprezzo il vostro lavoro!
»

Richard Ogg
Agilent Technologies
Global System Administrator Manager
26 luglio 2002

Conclusioni

CollaborazioneMalgrado stiamo vivendo nell'era dell'Informatica non tutti provano "simpatia" per quell'utilissimo apparecchio chiamato Computer.

Questa "naturale" avversione unita a una scarsa formazione, soprattutto in Italia, genera confusione e timori in molte persone che malvolentieri lo utilizzano e che spesso lo fanno esclusivamente perché costrette dal proprio lavoro.

Se a questo aggiungiamo una generale svogliatezza nel leggere i manuali d'istruzione, anche quelli di utilizzo base, la possibilità che un semplice click errato sia scambiato dall'utente medio per una catastrofe diventa veramente molto elevata.

Per questi motivi voglio concludere con due consigli. Con il primo, rivolto agli utenti, vorrei suggerire loro di valutare con un po' di attenzione l'evento che si sta verificando prima di allarmare il personale IT con telefonate catastrofiche. Molto spesso i problemi sono dovuti a disattenzione o scarsa conoscenza del mezzo e semplicemente ripetendo l'operazione con maggiore concentrazione si risolvono da soli.

Tante, troppe volte, dopo aver eseguito l'operazione correttamente, mi sono sentito dire dal collega «Io ho fatto esattamente quello che hai fatto tu ma non ha funzionato!». E tante, troppe volte sono stato costretto a rispondere, sempre sorridendo, «Non so cosa tu abbia fatto ma di sicuro se tu avessi fatto quello che ho fatto io avresti ottenuto lo stesso risultato.» Smile

Il secondo consiglio, rivolto ai miei colleghi informatici, è di non essere mai scortesi un collega in difficoltà, anche se vi ha "scomodato" per una sciocchezza.

L'IT dev'essere un punto di riferimento, una certezza all'interno dell'azienda e l'ultima cosa che si desidera è che gli utenti abbiano il terrore fare domande, perché a volte queste sono fondate e ci permettono di scoprire problemi reali e di correggerli prima che causino conseguenze gravi. Senza contare il fatto che è proprio grazie alle domande e ai problemi che abbiamo un lavoro. Smile

Ma c'è un altro consiglio che è valido per tutti: rispettate il lavoro degli altri, sempre!

Se questo articolo ti è piaciuto, non dimenticare di mettere il tuo "Mi piace" e di condividerlo tramite i pulsanti Social presenti in tutte le pagine. Grazie! Smile
Se hai delle domande o se vuoi esprimere un'opinione puoi anche lasciare un commento Facebook.

Fabio Donna

Valutazione media dell'articolo: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Commenti Facebook

N.B.: i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione, quindi potrebbero non apparire subito.